Oshossi, Cerimonie Sciamaniche e Inaugurazione del Nuovo Centro a Roma

Presso le tribù sono tradizionalmente i cacciatori che garantiscono la sopravvivenza delle donne, dei vecchi e dei bambini, provvedendo al loro sostentamento, procurando il cibo, cercando e scoprendo i luoghi favorevoli all'insediamento di un nuovo villaggio, sorvegliando i confini e proteggendo il territorio dalle incursioni dei nemici e dei predatori.

Energia di abbondanza e ricchezza, Odè è l'altro nome di Oshossi che nell’antica lingua Yorubà significa Re, e infatti nel Candomblè e nell’Umbanda Oshossi è considerato o Rey da Mata, il Re della Foresta, il Custode del Regno della Natura, in perenne connessione con l’Axè (Energia) degli animali e delle piante.

Oshossi è anche simbolo di Forza Vitale e Determinazione, insieme ai suoi Caboclos (spiriti della natura e degli Indios) guida e protegge i viandanti nei meandri della foresta e assicura il loro ritorno a casa, è in stretto contatto con Ossayn, Signore dei Rimedi Naturali, e da lui apprende le Arti della Guarigione.

Image

 

Nel Libro di Misteri si dice che il Cuore di Oshossi è il tesoro incantato nascosto nelle profondità della Natura, nell’immenso potere e saggezza della Madre Terra, da cui emana la Luce Spirituale della Vera Conoscenza Universale, quella che non viene generata dalla mente duale e separativa, ma che proviene dal Centro del Cuore, dall’Anima Immortale ed Eterna di ogni creatura.

Oshossi è Salvatore e Redentore, è un Guerriero di Luce la cui unica arma è la Luce del Cuore, amore incondizionato per tutte le creature, conoscenza che si esprime nella preghiera e nella celebrazione della vita, vibrazione del colore verde e oro come riflesso della luce che illumina il mondo vegetale e che da questo si irradia come energia vitale verso tutte le creature.

Secondo la leggenda, Oshossi venne inseguito per tutto il tempo della sua vita sulla Terra da esseri dell’oscurità che volevano impadronirsi della sua luce: essendo un cacciatore astuto e valoroso Oshossi riusciva sempre a sfuggire ai suoi inseguitori, ma un giorno tutte le entità oscure della terra si riunirono per tendergli un’imboscata e riuscirono a colpirlo con migliaia di frecce avvelenate, uccidendolo.

Il suo spirito allora si liberò dal corpo e continuò a fuggire, ma di nuovo i signori delle tenebre lanciarono contro di lui potenti malefici per ottenebrargli la mente e offuscare la luce del suo cuore: mentre lo spirito di Oshossi correva nel folto della foresta, incontrò una sorgente di acqua pura e cristallina e vi si immerse, scomparendo alla vista dei suoi oscuri inseguitori.

Image

 

Costoro pensarono di avere finalmente sconfitto il guerriero della luce e cominciarono a cantare e danzare per celebrare la loro vittoria; fu allora che giunse Ogum, Divinità Guerriera, al galoppo sul suo bianco destriero, e gettandosi nella sorgente prelevò lo spirito di Oshossi afferrandolo per una mano e traendolo finalmente in salvo.

Purificato dalla trasparenza dell’acqua sorgiva, dono di Oshum, Dea delle Acque, Oshossi emerse nella pienezza di una luce dorata che emanava dal suo cuore e rischiarava tutta la foresta: tutte le ombre della foresta furono impregnate dalla sua luce e tutte le creature che vivevano nell’oscurità conobbero lo splendore dorato del suo cuore.

Per questo si dice che il cuore di Oshossi è un tesoro di luce incantata che si trova nel folto della foresta vergine e la sua luce è rivelata da ogni singola foglia della foresta, e per coloro che si consacrano nella sua pace e nel suo amore, egli offre il dono della celebrazione della vita.

Semina, Filho da Fè (Figlio della Fede, così vengono chiamati coloro che aderiscono al culto dll’Umbanda), il seme della luce di Oshossi nel tuo cuore, e crescerà e si moltiplicherà nella tua vita, e arriverà la chiarezza, nei tuoi pensieri, nelle tue azioni, e in tutto quello che ti circonda.

 

Inno in onore di Oshossi

 

Okè Arò meu Rei Oxossi
Da folha de ouro

Vos sois Rei dos caboclos
Vos sois meu tesouro

Dai-me a vossa luz
Do conhecimento
Para eu livrar os seres
Do escurecimento

 

Salve o Mio Re Oshossi
Dalla foglia di oro
Tu sei il Re dei caboclos
Tu sei il mio tesoro

Dammi la tua luce
di conoscenza
Affinchè io mi liberi
dagli esseri dell’oscurità

 

Maria Alice Freire, O Rosario

Image

 

Articolo a cura di Akshara Umberto Carmignani

Share this post

Richiedi Informazioni

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
Target Image

Iscriviti alla Newsletter

La tua e-mail

Ripeti e-mail

 

 
 

lo shop del benessere

vai al sito macrolibrarsi