Per ricevere l’Attivazione al Primo Livello è sufficiente sedersi per alcuni minuti con gli occhi chiusi, le mani giunte e i piedi bene appoggiati a terra in presenza del Maestro di Reiki che abbiamo scelto.

Gli elementi simbolici di questa cerimonia sono certamente presenti, come in ogni atto rituale, ma non ne esauriscono il significato e l’azione.

Chiudere gli occhi significa affidarsi alla vita, lasciar andare il controllo, rinunciare a valutare ogni avvenimento sotto il punto di vista puramente razionale; congiungere le mani all’altezza del cuore ci ricorda l’atto, a volte dimenticato, della preghiera e ci invita a riconoscere che l’unità è dentro di noi e si chiama Amore; le piante dei piedi ben aderenti al suolo ci ricordano che è sempre bene tenere i piedi per terra, essere presenti anche nel piano materiale e fisico.

Ma esiste soprattutto una componente energetica, indotta dal procedimento, dai simboli e dalle formule utilizzate dal Maestro che attiva nello studente il processo della canalizzazione e trasmissione di Reiki.

E’ l’azione del Maestro, o meglio della Conoscenza Millenaria che si esprime attraverso il Maestro, ad attivare l’energia della Guarigione.

E’ Reiki stesso che si manifesta attraverso l’incontro della volontà e del consenso tra il Maestro e lo Studente.

Secondo la tradizione attraverso la cerimonia di Attivazione il Maestro di Reiki apre i canali energetici dell'iniziando e nello stesso tempo prende su di sè il suo Karma negativo o parte di esso, permettendo così allo studente un salto evolutivo.

Si ritiene che questa accelerazione del processo Karmico sia in molti casi alla base del processo di guarigione.

Anche per questo è importante la preparazione del Maestro di Reiki che viene scelto e la sicurezza che abbia compiuto un vero lavoro di crescita per poter operare nel modo migliore questa delicata trasmissione di energia che comporta anche la capacità di smaltire adeguatamente il Karma negativo accumulatosi durante le cerimonie di attivazione.

In mancanza di una adeguata preparazione del Maestro la trasmissione e la purificazione del Karma sarà minima o del tutto inesistente, inficiando la qualità dell'attivazione e dell'energia di Reiki nello studente.

Per diventare Maestri di Reiki sono necessari anni di pratica e di esperienza e soprattutto un giornaliero lavoro di verifica e autoanalisi per ripulire a fondo il proprio canale energetico e potersi dedicare efficacemente al Servizio.

 

Il Trattamento di Primo Livello Reiki

Richiedi Informazioni

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
Target Image